Posts Tagged 'desideri'

Obiettivi chiari.

stare bene. equilibrio stabile in movimento.
il mio corpo sottile, atletico. forte.
stare con i miei bambini, prendermi cura, essere madre.
amare e essere amata.
trovare una mia strada, un mio sogno.
scrivere e raccontare.
essere coraggiosa e guardare al futuro positivamente.

Annunci

da grande

non so bene se e quando.
non lo so. ma io da grande farò la scrittrice. da grande sarò lunga e flessuosa come un giunco. sorriderò spesso.  sarò tranquilla e grata di quello che ho. sarò sana.  se ne avrò voglia correrò, ma certamente camminerò con passo sicuro lungo la strada. riderò insieme alle persone che amo. mangerò e berrò, chiaccherando. da grande non urlerò, ma non smetterò di essere impulsiva e “patsa”. da grande andrò al cinema con mio marito, tanto i figli sono grandi… viaggerò e tornerò sempre volentieri. mi divertirò a percorrere la strada. leggerò e non guarderò la tele. da grande sarò io. e basta.

Caro Babbo Natale

Caro Babbo Natale,

se posso esprimere un solo desiderio vorrei la pace nel mondo e uno stato di diritto presentabile in Italia.

Una volta esauditi questi desideri, ho una sfilza di necessità piccolo borghesi e consumistiche:

un robot da cucina (piccolo) – quello che mi hanno regalato per il mio matrimonio – 10 anni fa – si è rotto. qualcosa che assomigli a questo.

un giaccone – rigorosamente con i saldi

un paio di stivali con i tacchi bassi marroni – anche questo dopo natale

della crema rassodante e per le smagliature (la perfezione va coltivata – e anche l’imperfezione)

libri e storie appassionanti

un mp3 zen con il cinturino per andare a correre – pieno di musica tamarra che dia la carica -mi raccomando che abbia la radio.

vorrei il nuovo Blackberry della Vodafone (tanto tanto tanto)

che finisca presto la varicella di N.

potrebbero esserci delle aggiunte…

ma non ho bisogno davvero di nulla, solo di rendermi conto di quanto sono fortunata!

la fatica dei desideri

lo ammetto sono pigra. mi affatica quasi tutto. non amo sudare, correre e fare sport. mi piace gareggiare solo se ho qualche reale possibiltà di vincere, nelle attività ginniche è una possibiltà remotissima per me. amo la razionalizzazione e le procedure che rendono i percorsi più brevi e intelligenti. amo i comandi veloci e mi sforzo di trovarli e impararli, perchè mi dà soddisfazione risparmiare tempo e un click. mi piace trovare la strada più corta. non è sempre la migliore, ma il fatto di sapere qual’è mi rassicura e mi conforta. è come avere una buona via di fuga.
ora mi trovo in una situazione che molti anelano per tutto l’anno. vacanza. che ha la stessa radice di vacante, cioè vuoto, mancate. nella mia vacanza il vuoto non c’è. né l’ozio. né il sonno. o meglio un pochino sì, ma proprio pochino. e io sono stanca. ma non ho prospettive. non ho desideri. faccio troppa fatica. anche solo a pensarci. non voglio far niente. non voglio andar da nessuna parte. vorrei che ci andassero i miei amatissimi altri, per un po’, senza chiedere niente. mi lasciassero sola. inattiva e immobile. dormire. poi leggere, semmai scrivere un po’. camminare poco. stare e basta. senza domande e richieste. senza cucinare. parlare. per un po’. ecco cosa vorrei.
son bastati dieci minuti. e la fatica del deiderio è stata risolta. devo dire che ne è valsa la pena. ora so cosa chiederò di fare quando C.- diolabenedica! – si terrà i bambini qualche giorno.


dicembre: 2018
L M M G V S D
« Mar    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

da dove leggete?

a

quello

Annunci