Archive for the 'cinema' Category

BASILICATA COAST TO COAST, un bel film!

lunedì sera esco e vado al cinema con P.
ha 10 anni. per entrambi è un regalo stare un po’ insieme.
prima ci mangiamo una pizza. buonissima!
andiamo a vedere BASILICATA COAST TO COAST.


e ce la ridiamo!
è un film che commuove e fa sghignazzare.
con una fotografia e una colonna sonora bellissime.
attori bravi, che non se la tirano.
alcune scene esilaranti inserite in un contesto poetico e densissimo.

mi è piaciuto tantotantotanto.

un italia bella.
un’idea che vien voglia di copiare.

la voglio attraversare anch’io la BASILICATA COAST TO COAST!


feisbum, l’anteprima

ieri sera ho visto fesibum,
un film fatto da chi crede che il cinema sia meglio del web,
e che non debba averci niente a che fare!

feisbum è un bel film.
tempi buoni, bella fotografia e bravi attori per un instant-movie.
ma facebook lo odia!
il produttore, un signore romano che non definirei giovane, esordisce all’anteprima, dopo un’ora di attesa, poichè bisognava fare le foto ai VIPss (lorydelsanto,eeeeh?!?)
dicendo che non vede l’ora che facebook chiuda…

ecco.
non voglio qui santificare facebook, per molti è il male, e probabilmente hanno ragione loro.
per me è solo un mezzo. (che succhia dati…)
eppure su facebook succedono delle cose.
forse la cosa differenziante rispetto agli altri social network è che uno è invitato a essere se stesso.
a fare rete con i conoscenti. questo dettaglio in tutto il film non c’è.
è un film fatto dopo una ricerca. quelli che hanno fatto il film, con facebook non vogliono avere nulla a che fare…
è così poco intellettuale…
c’è un’altra cosa che mi ha colpito: lo sguardo amaro e senz’appello. l’unica storia lieve e piena di grazia è fra due vecchi, in cui lei ignora il fenomeno feisbum, per sua fortuna, così non sarà corrotta…
lei usa il telefono!!! ah, sì?

eppoi un dettaglio sull’organizzazione.
a parte che aspettare un’ora per aspettare i vip è un insulto,
per chi è in una sala mezza vuota.
a parte che invitare chi ha aspettato un’ora ad alzarsi
perché il vip (sconosciuto) deve sedersi al tuo posto,
è maleducazione.

ma del web 2.0 non ne sapete proprio nientenienteniente?
tipo la conversazione, usare i mezzi che disprezzate per imparare qualcosa,
o almeno per comunicare il vostro film indipendente?

certo avete un blog! non vi stupisce che nessuno commenti?
o è un’ipotesi non contemplata?

il primo risultato su Google è la recensione di ieri sera.
Com’è possibile che appaia prima di tutti i vostri sforzi di comunicazione?

chissà se dopo averci fatto un film, l’ascolterete la rete…
potrebbe dirvi cose che nemmeno sospettate!

ps. la scena di Giorgio Colangeli che canta, dovevate tagliarla… e condivderla in rete!
sarebbe stato il video di questo post… tutto quello che ho trovato è questo.
(che peccato, un’altra occasione perduta!)

scrivere la notte

non posso farlo mai
perchè stramazzo.
ma domani sto a casa. legittimamente. ho preso un giorno di ferie.
forse metterò ordine nei miei armadi. ma forse no. alla fine è una mezza giornata di ferie.
alle quattro la bestiola torna a casa, con amichetta. un pomeriggio piacevole, ma non di ferie.
il marito stasera è a fare il pasionario anti-gelmini. mi sconvolge che sappia ancora stupirmi così.
ebbravo. magari è con un’altra e io lo stimo e lo applaudo. sarebbe diabolico comunque…

Stasera ho visto “Alla scoperta di Charlie” – un film carino. non eccezionale. poetico.

ora sono stanca. e vado a dormire. è bello fare quello di cui si ha bisogno: guardare film leggeri, scrivere sciocchezze, farsi passare un po’ d’ansia, eppoi stravolti, infilarsi nel letto, quasi certi di addormentarsi. alla fine non è poi così male. appena l’ansia si allenta un po’, la vita che c’è, senza nessun cambiamento, mi appare molto meno terribile, anzi per nulla spaventosa, decisamente apprezzabile. è meglio che conservi questo pensiero. che lo tenga stretto al cuore. ben centrato. non me lo faccia sfuggire…

il vento fa il suo giro

il vento fa il suo giro

per chi ama la montagna, ma quella un po’ sfigata, che è rara e per pochi eletti, dove non c’è movida, dove ti trattano male e non si fidano dei forestieri, dove non c’è il concetto di servizio

per chi ha passato le sue estati in un paese, venendo dalla città

per chi non ama la parola tolleranza, perchè se tolleri qualcuno vuol dire che non c’è uguaglianza fra voi

per chi vuole cambiare vita

per chi ama la fotografia limpida e i dialetti

per chi almeno una volta ha pensato di non tornare a casa e di restare lì, anche quando se ne sono andati via tutti

per chi ha il coraggio di guardarsi in faccia e cambiare radicalmente, anche controcorrente

per chi vorrebbe starsene da solo

per chi ama il formaggio di capra

per chi sa chi sono gli occitani (ma anche per chi non lo sa)

per chi pensa che la cultura non passi dalla lingua, ma dalla convivenza, giorno per giorno

non è un film stupendo, ma bello.
per molti, ma non per tutti.

http://www.ilventofailsuogiro.com/

consiglio* IRINA PALM

per tutte le donne. per quelle un po’ in sovrappeso. per quelle che hanno dubbi sulla loro desiderabilità. per quelle che non sanno quanto valgono e quanto possono fare. per quelle che non si stupiscono spesso di loro stesse. per la leggerezza. e un po’ di poesia. attraverso il corpo.

https://i2.wp.com/culture.froggytest.com/modules/xoopsgallery/cache/albums/albuo75/Irina_Palm.sized.jpg

  

Irina Palm 

Un film di Sam Garbarski. Con Marianne Faithfull, Miki Manojlovic, Kevin Bishop, Siobhan Hewlett, Dorka Gryllus, Jenny Agutter, Corey Burke. Genere Drammatico, colore 103 minuti. – Produzione Belgio, Lussemburgo, Gran Bretagna, Germania, Francia 2007. – Distribuzione Teodora Film

consiglio *1

metto solo la locandina
l’ho visto senza sapere assolutamente
di cosa si trattasse.
in realtà credo sia molto meglio

XXY

XXY


Un film di Lucía Puenzo. Con Ricardo Darín, Valeria Bertuccelli, Germán Palacios, Carolina Pelereti, Martín Piroyanski, Inés Efron, Guillermo Angelelli, César Troncoso, Jean Pierre Reguerraz, Ailín Salas, Luciano Nobile, Lucas Escariz. Genere Drammatico, colore 91 minuti. – Produzione Argentina 2007. – Distribuzione Teodora Film


maggio: 2017
L M M G V S D
« Mar    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

da dove leggete?

a

quello