Archive for the 'acrobate' Category

1 donna ogni 3 giorni. uccisa.

Una donna ogni tre giorni.

Morta. Uccisa. Dal suo compagno. Dal suo ex.

VOGLIAMO FARE QUALCOSA?

home sweet home – uno spettacolo da vedere sulla violenza domestica

Sono stimate in 6 milioni 743 mila le donne da 16 a 70 anni vittime di violenza fisica o sessuale nel corso della vita
(il 31,9% della classe di età considerata).

fonte ISTAT 2006 trovato su donnapratica.com

UNA SU TRE. ALMENO una volta nella vita.

comincia così uno spettacolo bello.
recitato benissimo (sono difficile nei miei gusti teatrali, non sopporto i dilettanti)
con scenografia, musica e video che non ti permettono di allontanarti dalla scena.
neanche se lo vuoi.

HOME SWEET HOME

Teatro Leonardo – via Ampère, 10
dal 21 Aprile al 9 Maggio 2010
durata 1’20”

Autore: Valeria Cavalli, Claudio Intropido
Regia: Valeria Cavalli, Claudio Intropido
Scenografia: Claudio Intropido
Costumi: Lara Friio
Musiche: Gipo Gurrado
Disegno luci: Claudio Intropido
Attori: Giulia Bacchetta – Andrea Robbiano

l’ho visto sabato. con mia nonna di 88 anni.
in un teatro non esattamente giovanissimo
(benedetti i biglietti gratuiti del comune di milano!)

violenza quotidiana, borghese, per bene.
violenza taciuta, accettata, trascurata.
violenza meritata?
ecco. non si può evitare.
perché il nostro dna storico non solo la accetta, la promuove.
le donne si scusano perché credono sia colpa loro.
quando raggiungono il limite provano a denunciare.
poi si pentono.
NESSUNO ne parla. nelle notizie solo gli stranieri nei parchi bui.
UNA su tre. ALMENO una volta. in casa propria.
da persone conosciute. dal proprio compagno.
denigrate, picchiate, umiliate.
esempio per i figli.
maschi e femmine.
è così che si comportano dei modelli.
fanno vedere come si fa.
è così che si deve diventare.

facciamolo per i nostri bambini.
facciamolo per le donne che sono MORTE (eh sì. MUOIONO. tutti i giorni.)
muoviamoci. vediamola questa violenza.
parliamone. portiamo donne e uomini a teatro.
educhiamo al vero rispetto i nostri figli.
rifiutiamo la violenza in ogni sua forma, tutti i giorni.
confrontiamoci. occupiamoci la mente e la quotidianità.

credo che questa diventerà la mia causa.
ne parlerò con amici, conoscenti, vicini.
cominciamo da vicino.

UNA su TRE.

quante donne conoscete?

la pantera

Voglio che i miei bambini sentano cose belle.
Voglio la mia famiglia.
Voglio essere adulta.
Voglio potermi fidare.
Voglio lottare.
Voglio capire.
Voglio ascoltare.
Voglio essere grande.
Voglio mollare ciò che mi fa stare male.
Voglio stare bene.
Voglio svoltare.
Voglio impegnarmi.
Voglio essere me stessa, meravigliosa e terribile.
Voglio scegliere per me stessa.
Voglio chiarezza e trasparenza.
Voglio respirare profondamente prima di agire e parlare.
Voglio fatti e non parole.

Voglio essere una pantera.
Nera.

Facciamo qualcosa per ricordare questa donna e per evitare che riaccada?

Ho ricevuto l’appello di Valeria Palumbo per fare qualcosa per Monica, uccisa dopo aver denunciato e aver tentato di fermare attraverso le istituzioni il suo ex.
Condivido tutto ciò che scrive, aggiungo che è anche una questione politica e culturale. Bisogna far cultura e politica del rispetto. Bisogna indagare dove nasce e come fermare la violenza sulle donne.
BISOGNA FAR QUALCOSA!!!

 OMICIDIO DAVANTI AD UN ASILO DI MILANO

Buongiorno. Il caso l’avete letto: Monica Morra, 33 anni, è stata uccisa in via Cova davanti all’asilo nido del figlio. Cinque giorni prima aveva denunciato per l’ennesima volta il suo ex marito che l’aveva minacciata di morte. Le forze dell’ordine di Città Studi-Lambrate si erano limitate a fare un verbale. A me risultava che fosse passata una legge anti-stalking. Uno che ha mandato una lametta a Michelle Hunziker si è preso nove mesi: ottimo. Ma Monica forse non valeva come la Hunziger? E’ stato appena eletto un nuovo presidente della Provincia che come prima misura parla di ronde: varranno anche per la violenza domestica? Non sarebbe una cattiva idea: invece di vagare a caccia di “uomini neri”…. Perché se lo stupro è fatto da “rumeni” (vox populi, come alla Caffarella, poi si scopre che non è così) parte il branco da linciaggio e per una donna uccisa da suo marito non si muove un dito? C’è violenza e violenza? Perfino in Città Studi e non solo a Bagdad?
E vengo al punto: non sarebbe nostro dovere (di giornalisti, di donne che si occupano di donne, di cittadini, di intellettuali) fare qualcosa?
La biblioteca di zona non può organizzare una serata per questa ragazza?
Non possiamo chiamare le persone di quartiere (gli uomini per primi) a farle un omaggio?
Non possiamo dedicarle delle letture (chiacchiere no, per carità), ma pagina di libri.
E un momento di riflessione?
Vi ringrazio per l’attenzione e vi saluto cordialmente

valeria palumbo
caporedattore centrale L’Europeo Rcs periodici via Rizzoli 8 20132, Milano, Italy
tel. 00390225843724
valeria.palumbo@rcs.it

www.valeriapalumbo.com

donne del PD

Stasera evento di presentazione dello Spazio PD in piazza Oberdan, alla presenza di Filippo Penati e della candidata consigliere provinciale del collegio 3, Marilisa D’Amico.

Sono stata invitata a partecipare con un messaggio personale, molto cordiale. Quando sono arrivata, con pochi minuti di ritardo, era già cominciato tutto (sono puntuali!)

Parla un ragazzo, e presenta i candidati: un uomo e due donne (Marilisa D’Amico e Lella Benelli).

Stare a sentire è stato interessante. Ma la cosa più significativa per me è stata la sensazione che ho provato.
Di nuovo, dopo il treno per l’europa, non mi son sentita un pesce fuor d’acqua. Anzi. Di nuovo, ho sentito che con quelle persone mi sarei potuta capire. Quel filo sottile che definisce un linguaggio e un sentimento comune.

Le donne del Pd mi piacciono proprio.
Marilisa D’Amico è una professionista super accreditata e madre di tre figli. Una vera acrobata!

Daniela Benelli ha parlato in modo convincente e appassionato di cultura, dello spazio Oberdan, di quello che si dovrebbe fare…

Eppoi c’è il mio primo contatto con 02PD (dopo il preziossimo aggancio di Daniel), Lia Quartapelle.
Una ragazza vivace, gentile, piena di responsabilià.

Credo che con queste basi si possa costruire qualcosa di solido; è stato come seminare un seme buono.
Ora vediamo cosa cresce…

parecchie cosette

mi sono detta, è presto, non c’è niente in tv, sono stravolta, vado a dormire, leggo un po’ e poi dormo.
e invece c’era la cucina da fare, e sono passata davanti al computer e la tentazione di scrivere sul divano, in silenzio, con fuori la pioggia che scroscia mi ha attirata nella sua dimensione intimisticoromantica.
nella mia testolina frullano parecchie ideuzze e una lista molto consistente di cose che dovrei/vorrei fare.
ho in mente cambiamenti esistenziali, evoluzioni aziendali plurime, piccoli progetti da non buttare via con l’acqua sporca, associazioni di donne piene di virtù e casini, relazioni con figli preadolescenti bellissimi e furiosi, risvegli notturni costanti di frugoletti che sanno di buono (ed è ciò che li salva dall’abbandono in autostrada), amicizie vecchie e nuove che vanno coltivate, incontrate, parlate, pensate, un amore devastante e tormentato, che mi tiene viva ma mi strazia (e cosa voglio di più dalla vita?).
mazza se è difficile. eppure, è bello. e pieno di possibilità. certo, l’energia sembra sfuggire attraverso il colapasta. l’umore ha spesso sbalzi paurosi. io continuo a non sentirmi mai all’altezza, e mi sa che piano piano ho convinto anche le persone che mi stanno intorno con ‘sto mantra. non so cosa ci sia di così intensamente bello da non riuscire a definire.
sono quasi sicura che si tratta di una cosa piccola. una cosa che sta nel centro. che pulsa senza fretta. che è stabile e non mi molla. viva. sono viva. e dentro a me stessa. per degli istanti. mica sempre. ma ogni tanto, così senza che neanche riesca a capirne la causa, senza controllo, sono io. e me la godo. un po’ come adesso.

 

 

https://i1.wp.com/www.aopletal.net/wp-content/uploads/2007/05/pioggia-notte.jpg

Donna, mamma, amante, lavoratrice, figlia, cittadina: acrobata

Stamattina ho letto questo bel post di elastigirl.
Ieri questi articoli di Irene Bernardini, che scrive su Vanity Fair. (vi consiglio di leggere entrambi!!!)

E allora mi viene proprio dal cuore scrivere a queste donne.
Cara Rebecca,

se ti avessi davanti ti abbraccerei. E anch’io ti direi che poi passa (e sei hai voglia di un tuffo nel mio passato ecco qui). Ma anche che bisogna parlare di quello che succede nei primi tempi della maternità, di quello che succede dopo il parto, perchè è a quel evento determinante che si fermano i nostri preparativi durante la gravidanza (certo che ci si preoccupa delle cose pratiche, sappiamo tutto dell’ultima carrozzina e magari anche del tiralatte migliore, ma di come ci si sente dopo un cambiamento così sconvolgente si parla pochissimo).
Allora sediamoci cinque minuti, beviti la tisana al finocchio, non ti preoccupare per i capelli che non sei riuscita a lavarti. Bisogna studiare una strategia. Bisogna che tu stia il più possibile in compagnia: di persone che ti sono care e si preoccupano di te (e non solo del bambino), che tuo marito collabori praticamente, che le nonne cucinino e surgelino per te piatti pronti. E poi un bell’appuntamento settimanale. Con altre donne nella tua stessa situazione, ci sono proposte del comune (nei consultori – si chiama Coccole e Giochi), in Casa di Maternità, oppure Tutti Giù per Terra (metto più tardi un link).

Quello che siamo: Donne, mamme, amanti, lavoratrici, figlie, cittadine è estremamente difficile da far stare insieme.

Perchè non solo siamo tutte queste cose, ma pretendiamo anche di tovare un equilibrio, cerchiamo la possibilità di essere almeno un po’ felici in questo guazzabuglio di vita. L’attuale attacco quotidiano alle donne è costante. Urgono proposte, soluzioni femminili. Per esempio una rete. Donne che parlino tra di loro, suggeriscano soluzioni pratiche, ma anche possano trovare il conforto dell’ascolto senza giudizio, fra pari, senza velleità terapeutiche, nella condivisone delle strategia per la sopravvivenza, ma anche per il vivere bene. Spazio per il pensiero, senza essere catalogate in alcuna categoria, esplorando profondamente quella complessità che fa paura, misteriosa, che è la nostra ricchezza.
Io questa cosa la pratico da 2 anni e mezzo (l’età del mio secondo nanetto). Faremo un’associazione (forse). Ma intanto mi sembra importante condividerlo con te, cara Rebecca, ma anche cara Elasti, cara Irene, care acrobate tutte.
https://i0.wp.com/mocoloco.com/art/upload/2007/08/acrobate_16/paris_22_aug07.jpg

luglio: 2017
L M M G V S D
« Mar    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

da dove leggete?

a

quello