Non son mica capace di crescere

Ha nove anni e gli occhi neri. È un bambino sensibile e curioso. Polemico e puntiglioso. È magro e ha un cespuglio di riccioli bruni. Stonato come una campana e senza gol nei piedi. Ma ha un fuoco sacro. Vuole capire. E essere bravo. Come me. Come tanti primogeniti. Stasera piangeva che tutto andava male. Era certamente molto stanco. Ma in un’intuizione fulminea dice tutto è cambiato – ma da quando? Non so, da prima. È tutto più complicato, e mi viene meno facile – perchè stai crescendo bambino mio, e crescere è un casino. Forse non sono adatto, mi risponde. Neanch’io, mi verrebbe da sussurrare. E alla fine mi gioco la carta dell’onestà. Per nessuno è facile crescere, neanche per i grandi, anzi ci sono sempre più elementi da conciliare. Da piccoli piccoli è più facile essere felici – quel paraculo del fratello treenne – Io sono felice mamma. Ecco a lui basta poco, mangiare, bere, dormire, il bene di mamma e papà, e giocare con gli amici a scuola, incalza il treenne. Sì e giocare. Mentre per te P. ora è tutto più complicato. Gli amici, gl’amori (!?!), la scuola e anche quei rompi dei genitori e N. che non ti molla. Gelosie, invidie, gare vinte e perse, simpatie, incomprensioni, attese strazianti, tentativi e cadute, ci sono molte più sfumature. Non si può essere costantemente felici. Capita di essere un po’ scontenti, ho anche molto infelici, per dei periodi. Se questo periodo dura ancora a lungo mi suicido dice ridacchiando. Amore, non dirlo neanche per scherzo. Solo alla morte non c’è soluzione. Per cui, parliamone. Parliamone domani, la stanchezza è un sentimento molto simile alla tristezza, e adesso tutto ti sembra nero anche perchè sei così tanto stanco. Dormi e cerca dei pensieri belli, ma sappi che già parlarne smonterà questa sensazione tutta negativa, e domani ci mettiamo lì e guardiamo bene queste cose che non vanno e che sono difficili, e accanto facciamo una lista delle cose che invece funzionano, a cui ora non stai sicuramente pensando, perchè le dai per scontate. Tu sei bravissimo a crescere, stai facendo tutte le cose necessarie, non ti devi aspettare di essere perfetto, di non sbagliare mai. Perchè è proprio quell’errore che ti insegna come fare la volta successiva. Eppoi magari ti devo dire un po’ più spesso quanto ti amo, perchè dovrei farlo, ma penso che tu lo sappia, che è un bene che arriva fino alla luna, fino al sole e anche oltre. E adesso dormi, mio tesoro, ancora mille baci, e piumoni, e sogni leggeri senza paure. Il domani lo affronteremo insieme.

Annunci

2 Responses to “Non son mica capace di crescere”


  1. 1 La Fede 4 11 2008 alle 10:06 am

    mi hai fatto commuovere… Te l’ho già detto che per me sei una mamma speciale, vero?

  2. 2 spaziocorrente 5 11 2008 alle 12:08 am

    Che tutti i bambini del mondo possano un domani addormentarsi con tanta dolcezza ed amore nel cuore.
    Che tutti i grandi del mondo possano domani trasmetterla.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




novembre: 2008
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

da dove leggete?

a

quello


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: